RomaFilobus 90

Menu Principale

Concetti chiave

Designed by:
Home Page PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 24 Novembre 2009 16:25

A trentetrè anni dalla loro scomparsa nel mese di marzo 2005 tornano a Roma i filobus, in piena sintonia con la tutela del patrimonio artistico, culturale, ambientale e architettonico di Roma.

Sono 30 le vetture in esercizio sulla linea 90 Express che collega Fidene con la Stazione Termini; le nuove vetture sono lunghe diciotto metri con pianale ribassato per facilitare la salita e la discesa dei passeggeri, hanno una capienza di 139 passeggeri di cui 45 seduti.

Realizzati dalla società ungherese Ganz Transelektro e da quella polacca Solaris, la tipologia delle vetture sfrutta una tecnologia cosidetta bimobale, ossia viaggia collegata alla rete bifilare ( ad una tensione di 750 Vcc ) nella tratta da Largo Labia a Porta Pia caricando anche le batterie di trazione (450 Vcc) che vengono usate nella tratta da Porta Pia alla Stazione Termini così da non aver alcun impatto visivo nel tratto più storico del centro di Roma, ossia quello racchiuso nel perimetro delle Mura Aureliane.

L'avvento del filobus consente in maniera molto efficace di abbattere l'inquinamento nella nostra città, essendo un veicolo ad emissioni zero, evitando così di immettere nell'atmosfera circa 1500 tonnellate di anidride carbonica ( CO2 ), 25 tonnellate di ossido di azoto (Nox), di 10 tonnellate di monossido di carbonio (Co), e di 4 tonnellate di particolati e composti organici volatili (1,7 delle quali di Pm10).

In pratica sostituiscono i precedenti jumbo-bus da 18 metri ( i cosiddetti "serpentoni" usati in quasi tutte le linee Express ); calcolando che mediamente sono in esercizio 17 vetture e che ogni jumbo-bus tradizionale consuma circa 300 litri di gasolio al giorno, ciò si traduce anche in un notevole risparmio di costi, nonchè di manutenzione, poichè il motore del filobus è sprovvisto degli accorgimenti tecnici che hanno i motori termici (circuiti di lubrificazione, raffreddamento, iniezione etc... ); la manutenzione si svolge quasi esclusivamente interfacciando un computer portatile all'unità di controllo centrale posta nel lato posteriore destro del veicolo e settando e/o resettando i valori di riferimento; anche i materiali di consumo sono ridotti al minimo e sono per esempio le ruote e gli elementi striscianti delle aste di captazione.

La velocità massima è tarata a 60 Km/h quindi la guida di questi veicoli deve essere particolarmente attenta e professionale essendo questi mezzi vincolati alla rete aerea e sono subordinati anche alle condizioni di quest'ultima, va quindi posta particolare attenzione alle condizioni stradali (buche, avvallamenti, curve etc) nonchè allo stato della linea aerea, posta a continue sollecitazioni ma anche soggetta ad allentamenti dovuti anche alle temperature più calde della stagione.

I filobus appartengono alla rimessa Montesacro riconvertita nuovamente a rimessa filobus dopo circa due anni di lavoro, data anche la posizione strategica della rimessa, sia in uscita che in rientrata possono effettuare collegamenti per aumentare la capacità di trasporto.

Mediamente la frequenza è di circa 7 minuti con tempi di percorrenza di circa 40/55 minuti.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 29 Novembre 2009 12:43
 

Link Utili